Home » Comunicazione in pratica » Anora respiro!

Anora respiro!

Anora respiro! - Dottore, mi ascolti!

Un altro esercizio sul respiro: credetemi, serve sempre

Vi ho già presentato un esercizio sul respiro, finalizzato a raggiungere uno stato di calma e relax. L’esercizio di oggi, invece, ha un obiettivo fisico più specifico. Si tratta, infatti, di riempire davvero i polmoni di ossigeno, quindi di nutrire meglio le cellule ed eliminare più profondamente le scorie accumulate.

Lo so, mi ripeto, ma le diverse forme di respirazione consapevole, cioè fatta scientemente, fornisce aiuto in moltissime occasioni ed ha numerosi effetti benefici.

La respirazione di oggi può essere definita 1:4:2 ed è consigliabile farla tre volte al giorno. Appena svegli, durante la mattinata e nel pomeriggio, possibilmente all’aperto dove c’è aria buona, ma raramente si possono avere tutte le condizioni ideali … Tuttavia se ogni tanto, magari nel fine settimana, avete modo di andare in un luogo meno inquinato delle nostre città, sfruttate l’occasione per dieci respiri 1:4:2.

Ed ecco le modalità.

Respirate profondamente col naso, con respirazione addominale (per intenderci: quella dei bambini che quando respirano muovono la pancia). Intanto che respirate contate i secondi necessari per riempire bene i polmoni (in genere sono 4 o 5 secondi). Questo è il vostro tempo che vale 1.

Fermate il respiro, in modo che l’aria possa “invadere” tutti gli alveoli per un tempo quadruplo di quello necessario per inspirare. Se, ad esempio, avete inspirato per 4 secondi, fermatevi per 16. (quindi 1:4)

Espirate con la bocca per un tempo doppio rispetto all’inspirazione, svuotando bene i polmoni dalle scorie. . Se, ad esempio, avete inspirato per 4 secondi, usatene 8 per l’espirazione.

Dunque: 1 inspirazione addominale col naso, 4 sosta, 2 espirazione con la bocca.

Ripetete 10 volte.

Post scriptum: questa, ed altre, forme di respirazione sono descritte nel libro Il respiro felice di Pam Grout, edizioni TEA 2016. Un libro che merita di essere letto.