Home » Salute e Comunicazione » Cosa significa essere partecipe della terapia?

Cosa significa essere partecipe della terapia?

Cosa significa essere partecipe della terapia? - Dottore, mi ascolti!

Da più parti si parla di partecipazione del paziente alla terapia, spesso facendo sorgere equivoci e confusioni

È opportuno che il paziente sia partecipe della terapia? Considerando tutto quello che è stato scoperto, dalla neurofisiologia, in merito all’effetto placebo, è decisamente importante che il paziente sia partecipe della terapia.

Però il termine “partecipe” può voler dire tante cose diverse, quindi la vera domanda è in quale modo rendere il paziente partecipe della terapia per ottenere i migliori risultati.

Io credo che un atto terapeutico corrisponda ad un lavoro di gruppo, in cui ciascuno ha responsabilità ed è tenuto a partecipare al meglio. Poi ci sono gli assestamenti specifici di ciascun team.

Apparentemente può essere semplice spiegare il ruolo dei due componenti del team: medico e paziente. Il medico fa la diagnosi, avvalendosi di tutti i servizi e supporti che ritiene necessari, e il paziente segue la terapia, fidandosi del medico.

Sembra facile, vero?

Eppure abbiamo un inghippo fin dall’inizio. Il paziente deve voler guarire.

Vi sembra assurdo pensare che qualcuno non voglia guarire? Basta pensare alle malattie psicosomatiche, alle condizioni di vita, alimentazione, stress che tutti noi viviamo, più o meno frequentemente. Dirò di più: il paziente deve essere convinto di guarire per diventare realmente partecipe del processo terapeutico.

Ed è molto difficile spiegare le differenze tra una convinzione profonda, terapeuticamente efficace, ed un desiderio, come spiegare la differenza tra un legittimo, e innocuo, timore che si prova in caso di malattia e le paure che danneggiano il processo di guarigione.

Forse le spiegazioni più chiare stanno in alcuni esempi pratici. È come la differenza che c’è tra recitare una preghiera per abitudine  e invocare l’aiuto divino per qualcosa che ci sta veramente a cuore. Oppure c’è la differenza che c’è tra leggere una favola da adulti e la stessa favola ascoltata da bambini: da bambini ci si immedesima al punto da vivere la favola.

Il paziente, possibilmente con il supporto del medico, deve raggiungere la piena convinzione di poter agire positivamente per la sua salute. In questo rientra la piena fiducia nel medico curante. E se il medico non “collabora” è meglio cambiare medico.

Ciò che, invece, non rientra nella partecipazione del paziente è la scelta della terapia, il mischiare le prescrizioni del medico con ciò che si sente in giro, o che si legge su internet.

Per partecipare all’atto terapeutico il paziente non deve essere “contento” del suo medico, ma fidarsi: sono stati d’animo completamente diversi.

Se ho il colesterolo alto, non posso essere contento di un medico che mi toglie tutte le gioie della tavola, ma posso fidarmi e seguire la dieta prescritta.

Partecipare vuol dire anche non nascondere i problemi, che possono andare dagli effetti indesiderati dei farmaci prescritti alle risposta falsate durante l’anamnesi. Ma per meritare la fiducia il medico non dovrebbe sottovalutare o, peggio, schernire i problemi evidenziati.

Il rapporto medico – paziente, anzi: la relazione medico – paziente è un’armonia complessa da instaurare, che richiede comprensione ed empatia da entrambe le parti, ma i risultati sono la piena professionalità del medico e una salute migliore per il paziente. Forse ne vale la pena. Che ne dite?