Home » Di tutto un po' » Ne vale la pena?

Ne vale la pena?

Ne vale la pena? - Dottore, mi ascolti!

Il nostro modo di parlare fornisce molte informazioni sui nostri pensieri nascosti. La domanda "ne vale la pena?" contiene già la risposta!

Confessatelo, quante volte vi siete fatti questa domanda?

Il motivo, l’argomento, su cui ci si fa questa domanda ha, in realtà, poca importanza. È la domanda in sé che conta, che vale.

Perché quando ce lo chiediamo siamo stanchi, vorremmo mollare. O almeno lo pensiamo.

Eppure quando davvero non riusciamo più ad andare avanti, oppure quando siamo certi che non ne valga la pena, molliamo senza indugi, e senza dubbi, anche se magari con un po’ di rimpianto.

Questo “ne vale la pena?” è in realtà una domanda retorica, ma anche un grido di aiuto.

Nel profondo vorremmo che qualcuno ci spiegasse perché sì, ne vale davvero la pena, la fatica che facciamo è importante. E vorremmo questo anche se la domanda la poniamo solo a noi stessi.

E allora riflettete: ogni volta che avete il dubbio che ciò che fate sia poco importante, o che gli sforzi non siano in realtà commisurati al potenziale risultato, ricordatevi che è solo un dubbio.

Significa che avete bisogno di riflettere, o più probabilmente di coccolarvi per un po’. Ma l’ultima cosa di cui avete veramente bisogno è di mollare.

Abbandonare i sogni, mollare per le incertezze, significa rinnegare se stessi e i propri valori. Anche se il risultato non sarà proporzionale alla fatica, ne vale sicuramente la pena: perché ciò che fate non lo fate per il risultato in sé, ma per voi.

Il meccanismo è insito nella domanda stessa!